Cattura il cliente attraverso la tua landing page

L’obiettivo di una landing page è far in modo che il mio utente compia un’azione ovvero che si attivi quello che in gergo viene chiamato tasso ti conversione.

Ciò avviene se la landing page è pensata per rispondere al problema del tuo utente finale in modo corretto.

Il nostro visitatore è sempre più consapevole di ciò che cerca e ha sempre meno tempo per trovare la soluzione al problema che l’ha spinto a cercare.

Infatti secondo MarketingBlender, il 73% dei consumatori dichiara di sentirsi frustrato quando il tuo sito web offre contenuti che non hanno nulla a che fare con loro.

E se non trova quello che sta cercando? Semplice, va dal tuo concorrente.

Per non perdere il tuo possibile cliente già nella prima parte dell’imbuto del tuo funnel devi saperlo conquistare fin dalle prime righe della tua landing page.

Ci sono infatti 5 regole base da seguire per creare una landing page ad alto contenuto di click:

 

  1. capisci il problema dell’utente
  2. fai riferimento a una situazione specifica per coinvolgere l’utente
  3. cogli la motivazione latente che lo spinge a cercare una soluzione (es. apparire come una persona legata alla natura ed ai viaggi. = ricerca di uno zaino che soddisfi questo tipo di esperienza)
  4. non dimenticarti delle emozioni
  5. dimostra che sei la scelta giusta per rispondere al suo problemaMa andiamo per punti:
  • CAPISCI IL PROBLEMA DELL’UTENTE

Pensa di essere il proprietario di una casa e che nel tuo giardino ultimamente stai notando una serie di buchi nel terreno.

Non sai che cosa sia di preciso ma pensi possano essere delle piccole talpe da giardino.

Vorresti che queste buche non si presentino più ma non sai come fare per risolvere il problema.

Il tuo cliente è quindi consapevole del problema e sta cercando in tutti i modi di risolverlo e la sua frustrazione è sempre più alta e sta cercando una soluzione proprio nel tuo sito.

Qui si gioca tutto, attraverso la tua landing page, fin dalle prime righe dovrai essere in grado di attrarlo e dimostrare fiducia mostrando empatia verso il suo problema.

  • FAI RIFERIMENTO A UNA SITUAZIONE SPECIFICA PER COINVOLGERE L’UTENTE

Ciò che odia di più il nostro utente mentre cerca di risolvere il suo problema è la complessità. Vuole trovarsi davanti a semplici e chiare soluzioni.

Dobbiamo quindi tenere a mente dopo aver visualizzato il problema dell’utente, che più siamo complessi più esso sarà spinto a cercare altrove.

Coinvolgere quindi l’utente facendo percepire con empatia la nostra comprensione del problema e portando elementi pratici ad esso sarà la chiave per far si che sia intenzionato a compiere quell’azione, ovvero contattarci.

Infatti è più facile vedere il valore quando il problema fa riferimento a una situazione specifica piuttosto che a una definizione generica del problema.

  • COGLI LA MOTIVAZIONE LATENTE CHE LO SPINGE A CERCARE UNA SOLUZIONE

Molto spesso ciò che ci induce a cercare una soluzione è  un problema che non sapevamo di avere fino a quel momento.

Si parla di bisogno latente infatti per delineare un bisogno inconscio a cui la persona è soggetta ma che non presenta in prima istanza.

Per far si che il nostro utente compia l’azione dobbiamo cogliere quel bisogno latente che sta alla base del problema primario che esso sta cercando di risolvere.

Per esempio, sono una persona che ama la natura, il trekking e un certo stile di vita. Per questo cerco di condurre uno stile di vita sano e cerco, nell’acquisto di oggetti, la trasposizione di questo mio essere.

Il mio problema quindi è, in questo preciso istante, trovare uno zaino da trekking che sia funzionale e legato allo stile di vita che conduco.

Proprio in questo piccolo particolare si giocherà la nostra fortuna. La mia landing page dovrà quindi fare perno su questo modo per “vendermi” lo zaino adatto a me.

  • NON DIMENTICARTI DELLE EMOZIONI

L’emozione è il punto di contatto più forte che possiamo avere con il nostro utente.

Ogni lettore  ha il proprio quadro di riferimento per una determinata situazione.  L’utente infatti sta cercando all’interno della nostra landing page qualcuno che senta l’emozione che loro stessi stanno provando.  Ti sta cercando perché vuole essere capito e cercare una soluzione con te perché sa conosci il problema.

Ecco perché devi far recepire al tuo potenziale cliente che puoi aiutarlo.

Per creare una landing page di successo devi scavare nelle speranze, nei sogni, nelle paure e nei limiti del tuo utente e immaginare le domande che si è già posto per risolvere il suo problema.

Applicando queste regole riuscirai ad aumentare il tuo tasso di conversione, e l’utente sceglierà te.

Cattura il cliente attraverso la tua landing page

Scarica la versione stampabile

Stanco di scorrere? Scarica una versione PDF per una più semplice lettura offline e condivisione con i colleghi.

POTREBBERO PIACERTI ANCHE